Cosa visitare a Napoli in una settimana

Se decidete di spendere una settimana di tempo per visitare Napoli, avrete modo di scoprire a pieno le bellezze di questa città.

Vi proponiamo un programma di 7 giorni per ottimizzare al meglio il vostro tempo in modo da consentirvi una visita davvero completa di questa bella città.

Cosa visitare a Napoli in una settimana

1° GIORNO: SPACCANAPOLI E CENTRO STORICO

Il primo giorno della settimana dovrete senza dubbio dedicarlo alla visita della famosa SpaccaNapoli.

SpaccaNapoli è una strada che “taglia” praticamente a metà una parte della città di Napoli. Questa strada comincia dai quartieri Spagnoli  e termina a Forcella.

Lungo questa strada potete trovare i più importanti monumenti di Napoli, dichiarati dall’Unesco nel 1995, patrimonio dell’umanità. Una volta completato tutto il percorso, vi consigliamo una visita più approfondità di alcuni punti di interesse lungo questo itinerario. Ovvero la visita del Cristo Velato presso la Cappella Sansevero e la visita della Napoli sotterranea. Di seguito gli orari per poter effettuare le visite..

feriali: 09.30-18.30. Domenica e giorni festivi: 09.30-14.00. Cristo Velato

Tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.00 Napoli Sotterranea

Dopo aver camminato tutta la giornata, potrete fare una piacevole sosta culinaria, scegliendo una delle tante pizzerie in Via Tribunali. E’qui che ci sono le migliori pizzerie di Napoli  dove potrete gustare la famosa pizza doc Napoletana.

2°GIORNO: CAPRI

Il centro storico della città è molto vicino al porto di Napoli. Da qui partono gli aliscafi per le isole.

Capri non dovrà mancare nei vostri itinerari. Isola piccola e caratteristica e il luogo vacanziero preferito di numerosi personaggi famosi nazionali e internazionali.

Camminando da Via delle Camerelle fino alla famosa piazzetta, vi innamorerete di questa piccola isola. Se il tempo lo permette è assolutamente consigliato il giro dell’isola in barca.

3° GIORNO: MUSEI

Il museo archeologico di Napoli è uno dei musei più importanti al mondo per la storia archeologica delle civiltà, in particolare quella romana.
Il posto è facilmente raggiungibile perché ottimamente collegato con la fermata omonima della linea1 della metro.

Il Madre è un museo di arte contemporanea. Si trova a pochi minuti a piedi dal museo archeologico nel complesso di Donnaregina. Esso ospita opere d’arte contemporanea, eventi e mostre.

Il museo di Capodimonte è uno dei più importanti musei napoletani. E’ stato fondato dal re Carlo di Borbone durante il XVIII secolo. Durante questa epoca, la città di Napoli era in una fase di grande benessere economico. Il museo fu costruito per dare una congrua sistemazione a tutte le numerose opere d’arte napoletane dell’epoca.

Il museo di capodimonte è comodamente raggiungibile con la linea autobus R4.

Una volta tornati dalla collina di Capodimonte, potrete terminare la Vostra giornata visitando il Palazzo reale di Napoli

Il Palazzo Reale di Napoli fu fondato nel 1599, durante la dominazione Spagnola. L’edificio fu costruito per dare una sede prestigiosa ai vicerè spagnoli. Nell’ala ovest dell’edificio è collocata la biblioteca nazionale.

4° GIORNO: VIA TOLEDO, CASTELLI E LUNGOMARE

 Via Toledo è la strada dello shopping piu’ importante di Napoli. Questa strada è anche la preferita per fare una semplice passeggiata. E’ stata rifondata ed ampliata durante il regno spagnolo.

Castel Nuovo, meglio conosciuto come Maschio Angioino, è un castello medievale. E’ uno dei simboli della città di Napoli. E’ stato voluto da Carlo D’angiò durante il suo periodo di dominazione.

Arrivati a Piazza Plebiscito, potrete fare una piccola pausa per scattare qualche foto e ammirare la maestosità di una delle Piazze napoletane più belle. Se avete uno spirito goliardico potrete provare il famoso “gioco dei cavalli” bendandovi gli occhi e cercando di passare tra i due cavalli nell’altra estremità della piazza.

Il lungomare di Napoli lo raggiungerete in poche centinaia di metri. Questo posto ha una bellezza paesaggistica senza eguali. Da qui potrete ammirare tutto il golfo di Napoli: da Posillipo a Capri fino al Vesuvio guardando in lontananza la costa di Sorrento.

Sulla strada del lungomare, vi troverete sulla sinistra Castel Dell’Ovo; chiamato anche Castel Vecchio per distinguerlo dal Maschio Angioino di più recente costruzione.

5° GIORNO: POMPEI

Gli scavi di pompei sono stati voluti da re Carlo Di Borbone. Essi rappresentano una delle migliori testimonianze dell’epoca romana. Gli scavi di Pompei sono tra i primi tre siti più visitati in Italia. Vi consigliamo pertanto di dedicargli almeno un’intera giornata.

6° GIORNO: SORRENTO

Sorrento è il centro più rinomato della penisola sorrentina. E’ meta preferita di turisti di tutti il mondo. E’ famosa per le sue bellezze naturali e le sue tradizioni eno-gastronomiche. E’ raggiungibile da Napoli con la Circumvesuviana oppure via mare con l’aliscafo.

7° GIORNO: POSILLIPO E  VOMERO.

Posillipo è sulla collina di Napoli. C’è una vista sull’intera città che ve la farà ricordare per sempre.
Se il tempo lo permette, vi consigliamo di fare un salto alla Gaiola. La Gaiola è una riserva naturale del Fai. Se il tempo è buono potrete bagnarvi in un’acqua cristallina.

Il Vomero è il quartiere nuovo di Napoli. Qui si trovano Castel Sant Elmo e la Certosa di San Martino. Il primo è un Castello Medievale che trae origine da una torre di avvistamento normanna.
La Certosa di San Martino, dichiarata a fine 2010 monumento nazionale, sorge accanto a Castel Sant Elmo ed è uno delle maggiori espressioni dell’arte dell’epoca barocca.

Conclusioni

Per visitare Napoli al meglio è consigliabile comunque scegliere una sistemazione in una zona centrale della città e ben servita dai mezzi pubblici.

L’ideale pertanto è optare per un bed and breakfast nel centro storico della città.

,